The Super League

Non solo meteo. Discutere in amicizia di altri argomenti

Moderatore: Moderatore

Re: The Super League

Messaggioda Borgo » gio 22 apr, 2021 17:26

Edit: in realtà ci sarebbe la MLS che non prevede retrocessioni e promozioni.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
"Dio perdona sempre, l'uomo a volte, la terra mai"
Avatar utente
Borgo
Direttivo Meteopassione
 
Messaggi: 17652
Iscritto il: sab 17 gen, 2009 22:07
Località: Chiari

Re: The Super League

Messaggioda oscarbs » gio 22 apr, 2021 17:42

StefanoBs ha scritto:Il problema è stata solamente la comunicazione. Gli agganci politici mafiosi della Uefa hanno poi fatto il resto, distorcendo la realtà a proprio favore, grazie ai mass-media. Una narrativa populista che cercava di far emergere uno scontro fittizio tra ricchi e poveri. Come se il PSG fosse povero e credesse nei sogni dei bambini. Nauseante.

Nessuno avrebbe eliminato la Champions, nessuno avrebbe eliminato la serie A. Le sfide tra i grandi e i piccoli sarebbero continuate. Quindi non si capisce chi avrebbe rubato cosa. Alcuni club (i più seguiti a livello mondiale) avrebbero istituito una nuova lega privata, che avrebbe portato benefici indirettamente a tutto il mondo del calcio. Proprio perchè i vasi comunicanti continuavano a sussistere, visto che queste squadre avrebbero continuato a giocare nei propri campionati domestici. Tutta la retorica lasciamola a chi crede ancora a un calcio fatto di sola passione, che è morto già da 30 anni.

Fammi capire Stefano. Immagino che stai comunque parlando di una Champions senza le "20 Big" o ho capito male io? :indeciso:
Avatar utente
oscarbs
Socio fondatore
 
Messaggi: 21555
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:53
Località: Barco di Cazzago S. Martino (BS)

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » gio 22 apr, 2021 17:42

Rickybs ha scritto:È un punto di vista rispettabile e comprensibile, ma che non condivido. Sarebbe stata la prima lega (nel calcio) ad avere dei membri di diritto, che ogni anno sarebbero stati ammessi a partecipare indipendentemente dai risultati conseguiti (+ un certo numero di squadre ammesse per meriti).
È proprio il principio di una lega privata e (semi)chiusa ad essere ripugnante.
Non esistono verità assolute, quindi ognuno rimarrà con la sua opinione, come è giusto che sia, ma che il calcio non sia fatto di sola passione lo sa anche un bambino, ovviamente non è questo il punto. ;-)
Buon divertimento, vedrete che prima o poi riuscirete a creare la vostra superlega, al primo giro vi è andata male.


Quel meccanismo di chiusura può essere migliorato, anche a me non piaceva troppo. Però contesto il fatto che questa Superlega avrebbe tolto i sogni ai bambini. Una superlega dove si sarebbero sfidati i più grandi giocatori al mondo, dove ogni bambino in realtà avrebbe sognato di entrarvi. Così come trovo ridicolo che questa cosa avrebbe ucciso il calcio. Ma ci rendiamo conto cosa sono UEFA e FIFA? Ma la gente dove vive? Mondiale in Qatar vi dice qualcosa? :lol: E' stata gestita malissimo a livello di comunicazione da parte di questi club. Non mi stupirebbe comunque che con le dovute correzioni questo progetto ritorni in pista al momento opportuno.
I top club sono indebitati fino al collo, il calcio sta per morire sul serio.. e questa volta non è retorica.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » gio 22 apr, 2021 17:45

oscarbs ha scritto:
StefanoBs ha scritto:Il problema è stata solamente la comunicazione. Gli agganci politici mafiosi della Uefa hanno poi fatto il resto, distorcendo la realtà a proprio favore, grazie ai mass-media. Una narrativa populista che cercava di far emergere uno scontro fittizio tra ricchi e poveri. Come se il PSG fosse povero e credesse nei sogni dei bambini. Nauseante.

Nessuno avrebbe eliminato la Champions, nessuno avrebbe eliminato la serie A. Le sfide tra i grandi e i piccoli sarebbero continuate. Quindi non si capisce chi avrebbe rubato cosa. Alcuni club (i più seguiti a livello mondiale) avrebbero istituito una nuova lega privata, che avrebbe portato benefici indirettamente a tutto il mondo del calcio. Proprio perchè i vasi comunicanti continuavano a sussistere, visto che queste squadre avrebbero continuato a giocare nei propri campionati domestici. Tutta la retorica lasciamola a chi crede ancora a un calcio fatto di sola passione, che è morto già da 30 anni.

Fammi capire Stefano. Immagino che stai comunque parlando di una Champions senza le "20 Big" o ho capito male io? :indeciso:


Superleague e la Champions sarebbero entrate in competizione, sarebbe stato a livello economico manna dal cielo anche per le squadre di "medio-alto" livello. Tutti ci avrebbero guadagnato, tranne l'UEFA e la Premier League.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda oscarbs » gio 22 apr, 2021 18:05

Boh... non ho capito la tua risposta alla mia domanda Stefano... ma non fa niente. Roba troppo grossa per un tifoso "anziano" di un di una "squadretta del cavolo".. ;-)
Avatar utente
oscarbs
Socio fondatore
 
Messaggi: 21555
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:53
Località: Barco di Cazzago S. Martino (BS)

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » gio 22 apr, 2021 18:09

oscarbs ha scritto:Boh... non ho capito la tua risposta alla mia domanda Stefano... ma non fa niente. ;-)


Tecnicamente la Superleague non avrebbe "sostituito" la Champions. Questo è stato un errore comunicativo, o comunque questo è "sembrato" al popolo. Bayern, PSG e Borussia Dortmund (solo per citare alcune) probabilmente non avrebbero aderito. Avremmo assistito a una vera e propria competizione tra due leghe europee gestite in modo diverso. Chi avrebbe vinto commercialmente lo avremmo poi capito fra qualche anno. Con questi due colossi in Europa, le risorse economiche sarebbero state molto superiori anche per tanti altri club di livello medio.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda oscarbs » gio 22 apr, 2021 18:47

Semplificando. Pensiamo alla possibile situazione italiana.
Nella superlega : Inter, Juve, Milan e magari Napoli.
In Champions: Atalanta, Roma, Lazio e Sassuolo.
Dove vogliamo andare con la vecchia Champions? :mryellow:
Avatar utente
oscarbs
Socio fondatore
 
Messaggi: 21555
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:53
Località: Barco di Cazzago S. Martino (BS)

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » gio 22 apr, 2021 18:52

Quindi ci sarebbero state due competizioni europee parallele, una con determinate squadre e una con altre. E con i campionati nazionali come si sarebbe risolta la faccenda, dato che il piazzamento non avrebbe più avuto senso per le squadre coinvolte nella Super League?
Se una squadra della SL, per ipotesi, a dieci giornate dalla fine non fosse più in lotta per lo scudetto, non avrebbe più obiettivi, perché tanto arrivare seconda, terza, quarta o quinta non cambierebbe nulla. Parteciperebbe comunque alla SL. E la Champions avrebbe ancora la stessa attrattiva? Dubito molto.
A me continua a sembrare una gran porcata, ma probabilmente sarò troppo ottuso. Torniamo a pensare al nostro caro Brescia Oscar, mi sa che è meglio... :mryellow:
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda simone » gio 22 apr, 2021 19:40

magari al posto di quella inutile nation League ok. però l'idea di una competizione chiusa x club ricchi non mi entusiasma. preferisco una Champions, magari con qualche modifica.

Inviato dal mio DLI-L22 utilizzando Tapatalk
Appassionato di meteorologia
Avatar utente
simone
Socio ordinario
 
Messaggi: 12243
Iscritto il: sab 01 mar, 2008 10:18
Località: palazzolo sull'oglio

Re: The Super League

Messaggioda simone » gio 22 apr, 2021 19:42

si però Oscar anche noi abbiamo il Pep!!!!

Inviato dal mio DLI-L22 utilizzando Tapatalk
Appassionato di meteorologia
Avatar utente
simone
Socio ordinario
 
Messaggi: 12243
Iscritto il: sab 01 mar, 2008 10:18
Località: palazzolo sull'oglio

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » gio 22 apr, 2021 20:17

Rickybs ha scritto:Quindi ci sarebbero state due competizioni europee parallele, una con determinate squadre e una con altre. E con i campionati nazionali come si sarebbe risolta la faccenda, dato che il piazzamento non avrebbe più avuto senso per le squadre coinvolte nella Super League?
Se una squadra della SL, per ipotesi, a dieci giornate dalla fine non fosse più in lotta per lo scudetto, non avrebbe più obiettivi, perché tanto arrivare seconda, terza, quarta o quinta non cambierebbe nulla. Parteciperebbe comunque alla SL. E la Champions avrebbe ancora la stessa attrattiva? Dubito molto.
A me continua a sembrare una gran porcata, ma probabilmente sarò troppo ottuso. Torniamo a pensare al nostro caro Brescia Oscar, mi sa che è meglio... :mryellow:
Questo perché siamo condizionati dal fatto che da sempre la logica del campionato è correlata alla qualificazione europea. Ma dove sta scritto? La qualificazione potrebbe avvenire in altro modo, ad esempio con un ranking pluriennale in base ai risultati sportivi europei. È meritocratico, ma diverso rispetto ad ora. Il discorso degli stimoli in serie A è facilmente risolvibile con playoff finali. Anche io contesto il discorso delle squadre fisse in SL, non mi piace. Però è un diacorao che si può smussare in sede di trattativa.. senza necessariamente bandire l'idea totalmente. In Europa ci deve essere un campionato di alto livello di sole 20, massimo 24 squadre. Questa è la strada per aumentare l'atrattiva del calcio. La Champions va nella strada sbagliata, continuando ad allargare a squadre di piccoli campionati, che abbassano la qualità e l'interesse.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda Borgo » gio 22 apr, 2021 22:14

oscarbs ha scritto:Semplificando. Pensiamo alla possibile situazione italiana.
Nella superlega : Inter, Juve, Milan e magari Napoli.
In Champions: Atalanta, Roma, Lazio e Sassuolo.
Dove vogliamo andare con la vecchia Champions? :mryellow:
Beh sarebbe come l’attuale differenza tra Champions e Europa League.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
"Dio perdona sempre, l'uomo a volte, la terra mai"
Avatar utente
Borgo
Direttivo Meteopassione
 
Messaggi: 17652
Iscritto il: sab 17 gen, 2009 22:07
Località: Chiari

Re: The Super League

Messaggioda oscarbs » gio 22 apr, 2021 23:08

Borgo ha scritto:
oscarbs ha scritto:Semplificando. Pensiamo alla possibile situazione italiana.
Nella superlega : Inter, Juve, Milan e magari Napoli.
In Champions: Atalanta, Roma, Lazio e Sassuolo.
Dove vogliamo andare con la vecchia Champions? :mryellow:
Beh sarebbe come l’attuale differenza tra Champions e Europa League.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Sí appunto. :mryellow:
Esattamente l'opposto di una "vera e propria competizione tra due leghe europee gestite in modo diverso" :mryellow:
:bye:
Avatar utente
oscarbs
Socio fondatore
 
Messaggi: 21555
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:53
Località: Barco di Cazzago S. Martino (BS)

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » gio 22 apr, 2021 23:44

oscarbs ha scritto:
Borgo ha scritto:
oscarbs ha scritto:Semplificando. Pensiamo alla possibile situazione italiana.
Nella superlega : Inter, Juve, Milan e magari Napoli.
In Champions: Atalanta, Roma, Lazio e Sassuolo.
Dove vogliamo andare con la vecchia Champions? :mryellow:
Beh sarebbe come l’attuale differenza tra Champions e Europa League.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Sí appunto. :mryellow:
Esattamente l'opposto di una "vera e propria competizione tra due leghe europee gestite in modo diverso" :mryellow:
:bye:


Esatto...
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 23 apr, 2021 00:08

Io non capisco dove vuoi arrivare Oscar. La Superleague era una forzatura, una scommessa. È chiaro che se commercialmente fosse diventata la più seguita al mondo, nel giro di un paio di anni la Champions avrebbe chiuso i battenti. Era una sfida all'Uefa, non al mondo del calcio. Si voleva andare mettere all'angolo l'Uefa per intavolare una trattativa. L'Uefa ha preferito mantenere totalmente lo status quo. Ha vinto la battaglia, ma i nodi verranno al pettine. I club spagnoli e italiani sono pieni di debiti, così come qualche inglese. Debiti derivanti dal caso Neymar (il povero Psg) che ha raddoppiato in un solo anno i costi dei cartellini. Ormai sono più importanti gli agenti dei giocatori delle società. È un mondo malato. Il Milan e l'Inter hanno rispettato le regole del fairplay finanziario, City e Psg invece potevanp far quello che volevano. Lo dico da juventino, è sotto gli occhi di tutti il marcio in Uefa.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda oscarbs » ven 23 apr, 2021 06:22

:ok:
Avatar utente
oscarbs
Socio fondatore
 
Messaggi: 21555
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:53
Località: Barco di Cazzago S. Martino (BS)

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 23 apr, 2021 08:56

Concludo le mie considerazioni, facendo un discorso a tutto tondo. In modo che anche i meno informati possano capire cosa stia succedendo e il perchè si sia arrivati a questa situazione incomprensibile per molti.
Come molte persone della mia generazione e delle generazioni precedenti il calcio è una grande passione. Quello che ci accumuna è la cosidetta "fede" calcistica, un senso di appartenenza che fa parte di noi. Noi siamo quelli più in difficoltà a capire il cambiamento in atto. Per Oscar e Ricky il senso di appartenenza è strettamente territoriale, un orgoglio bresciano che viene trasferito nei valori in una squadra di calcio. Per me ad esempio invece il senso di appartenenza è familiare (i miei genitori e i miei nonni sono tutti juventini), sono cresciuto sentendo parlare delle geste di Sivori e Platini. Fa parte di me e non potrei quindi mai "tradire" la mia squadra, perchè sarebbe come tradire un po' sè stessi. Siamo in modo diverso dei romantici del calcio.

Le nuove generazioni non amano le squadre, ma i giocatori e lo spettacolo.

Questi giovani possono tifare una squadra per 3 anni e poi cambiarla, a seconda di dove gioca un certo giocatore o della squadra che gioca meglio a calcio. Per noi "campanilisti" della vecchia generazione tutto ciò è incomprensibile. Noi soffriamo se la nostra squadra perde o se non riusciamo a vedere una partita. I nuovi tifosi non sono così legati visceralmente. Chiamiamola evoluzione, perchè tutto sommato siamo noi sbagliati. Bisogna riportare il calcio a quello che è.. un semplice gioco, non una ragione di vita.
Il calcio è legato a regole "vecchie" geografiche che sempre meno hanno senso, perchè il calcio è sempre più un prodotto globale. Si può ad esempio parlare ancora di squadra "italiana" quando le proprietà sono straniere, i giocatori stranieri e ora anche i tifosi sono stranieri? I tifosi non sono più quelli che vanno allo stadio, ma quelli che guardano la partita via streaming (nemmeno più in tv).

Siamo dei dinosauri, potremo dire che questa cosa non ci piace e borbottare che tutto fa schifo... in realtà semplicemente c'è un cambiamento generazionale. La Superleague ha fallito la comunicazione, ma all'interno del recinto UEFA certi cambiamenti saranno fondamentali per sopravvivere.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda simone » gio 06 mag, 2021 21:08

le indiscrezioni parlano di una possibile supersanzione ad alcune società tipo l'esclusione dalle coppe europee x 2 anni. se fosse vera possiamo dire che la SuperLega partirà.

Inviato dal mio DLI-L22 utilizzando Tapatalk
Appassionato di meteorologia
Avatar utente
simone
Socio ordinario
 
Messaggi: 12243
Iscritto il: sab 01 mar, 2008 10:18
Località: palazzolo sull'oglio

Re: The Super League

Messaggioda Liriometeo » gio 06 mag, 2021 22:20

Prima o poi partirà ( in molti sport come il basket per esempio c’è già ), come etc lo capiremo a tempo debito …


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
meteoCologne

La verità vince sempre purché si abbia la capacità di riconoscerla ( cit. )
.
Avatar utente
Liriometeo
Socio fondatore
 
Messaggi: 36965
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 22:06
Località: cologne franciacorta ( Brescia) , riccione ( Rn )

Re: The Super League

Messaggioda zakkaccio » ven 07 mag, 2021 09:22

StefanoBs ha scritto:Concludo le mie considerazioni, facendo un discorso a tutto tondo. In modo che anche i meno informati possano capire cosa stia succedendo e il perchè si sia arrivati a questa situazione incomprensibile per molti.
Come molte persone della mia generazione e delle generazioni precedenti il calcio è una grande passione. Quello che ci accumuna è la cosidetta "fede" calcistica, un senso di appartenenza che fa parte di noi. Noi siamo quelli più in difficoltà a capire il cambiamento in atto. Per Oscar e Ricky il senso di appartenenza è strettamente territoriale, un orgoglio bresciano che viene trasferito nei valori in una squadra di calcio. Per me ad esempio invece il senso di appartenenza è familiare (i miei genitori e i miei nonni sono tutti juventini), sono cresciuto sentendo parlare delle geste di Sivori e Platini. Fa parte di me e non potrei quindi mai "tradire" la mia squadra, perchè sarebbe come tradire un po' sè stessi. Siamo in modo diverso dei romantici del calcio.

Le nuove generazioni non amano le squadre, ma i giocatori e lo spettacolo.

Questi giovani possono tifare una squadra per 3 anni e poi cambiarla, a seconda di dove gioca un certo giocatore o della squadra che gioca meglio a calcio. Per noi "campanilisti" della vecchia generazione tutto ciò è incomprensibile. Noi soffriamo se la nostra squadra perde o se non riusciamo a vedere una partita. I nuovi tifosi non sono così legati visceralmente. Chiamiamola evoluzione, perchè tutto sommato siamo noi sbagliati. Bisogna riportare il calcio a quello che è.. un semplice gioco, non una ragione di vita.
Il calcio è legato a regole "vecchie" geografiche che sempre meno hanno senso, perchè il calcio è sempre più un prodotto globale. Si può ad esempio parlare ancora di squadra "italiana" quando le proprietà sono straniere, i giocatori stranieri e ora anche i tifosi sono stranieri? I tifosi non sono più quelli che vanno allo stadio, ma quelli che guardano la partita via streaming (nemmeno più in tv).

Siamo dei dinosauri, potremo dire che questa cosa non ci piace e borbottare che tutto fa schifo... in realtà semplicemente c'è un cambiamento generazionale. La Superleague ha fallito la comunicazione, ma all'interno del recinto UEFA certi cambiamenti saranno fondamentali per sopravvivere.


Esatto Stefano, come ha detto anche Andrea Agnelli i nuovi tifosi guardano gli highlights, non stanno lì a vedersi tutta una partita magari intrista di tatticismi, difensivismi, giocatori mediamente scarsi, che mal si concilia con uno spettacolo vero e proprio; in questo senso i campionati nazionali sono un disastro, premier parzialmente a parte.
A livello economico si guarda avanti e si dice, dobbiamo fare in modo che il prodotto sia fruibile a questa nuova tipologia di spettatore anche perché per mantenersi il carrozzone deve incamerare soldi a palate.
L'allianz stadium di Torino, ad esempio, ormai è diventato un po' l'emblema: hanno eliminato gli ultras (giustamente), è sempre pieno, i costi sono alti e intorno c'è tutta una serie di attività commerciali legate al brand. Si vedono sempre più tifosi da ogni parte del mondo, non c'entra più nulla col "vecchio" calcio.
Tutto ciò però è un po' "strozzato" dall'attuale status quo, per quello stanno cercando di creare un palcoscenico più accattivante dove la qualità è altissima per attirare più appassionati possibile.
Io sinceramente sono d'accordo, se devo spendere soldi per vedere le partite preferisco che siano di alto livello, restando ferma la "fede" per la juve certe partite sono veramente inguardabili.
Avatar utente
zakkaccio
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6005
Iscritto il: lun 14 apr, 2008 23:44
Località: Pisogne

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » ven 07 mag, 2021 11:10

È proprio un mondo che non mi appartiene, per il mio modo "preistorico" di vedere il calcio, il bello è la squadretta di serie C che avanza in Coppa Italia battendo squadre più blasonate (e guarda caso vogliono eliminare le squadre di serie C dalla Coppa Italia).
Il bello del calcio, per i tifosi vecchio stile come me, è vedere la squadra di provincia che va a vincere contro Juve, Inter o Milan (vedi Juventus-Benevento).
Il bello è il sogno europeo del Vicenza di Guidolin, è l'inzuccata di Igli Tare contro la Juve, è il Brescia infarcito di riserve che va a vincere a sorpresa e meritatamente con l'Inter fuori casa, e potrei continuare.
Quando tutto questo non ci sarà più, rimarranno solo i ricordi di un calcio che non esisterà più.
Per vedere partite come Real Madrid-Juventus o Milan-Barcellona non spenderei nemmeno un minuto della mia vita, sono del tutto prive di interesse per un vero e proprio dinosauro come me.
Il futuro è dei nuovi tifosi, io coltiverò altre passioni.
Buon divertimento. ;-)
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 07 mag, 2021 11:44

Rickybs ha scritto:È proprio un mondo che non mi appartiene, per il mio modo "preistorico" di vedere il calcio, il bello è la squadretta di serie C che avanza in Coppa Italia battendo squadre più blasonate (e guarda caso vogliono eliminare le squadre di serie C dalla Coppa Italia).
Il bello del calcio, per i tifosi vecchio stile come me, è vedere la squadra di provincia che va a vincere contro Juve, Inter o Milan (vedi Juventus-Benevento).
Il bello è il sogno europeo del Vicenza di Guidolin, è l'inzuccata di Igli Tare contro la Juve, è il Brescia infarcito di riserve che va a vincere a sorpresa e meritatamente con l'Inter fuori casa, e potrei continuare.
Quando tutto questo non ci sarà più, rimarranno solo i ricordi di un calcio che non esisterà più.
Per vedere partite come Real Madrid-Juventus o Milan-Barcellona non spenderei nemmeno un minuto della mia vita, sono del tutto prive di interesse per un vero e proprio dinosauro come me.
Il futuro è dei nuovi tifosi, io coltiverò altre passioni.
Buon divertimento. ;-)


Tutte le squadre di Lega Pro sono in crisi da anni, i soldi che girano nelle serie minori sono ormai ai minimi termini. Non perchè ci sia qualcuno "cattivo", ma perchè l'interesse dei tifosi per le squadre minori si è perso notevolmente. Chi sponsarizza qualcosa che non viene seguito? Non a caso la nuova coppa Italia va in questa ottica.
Non è vero che il calcio di provincia morirà, ma resterà appunto di "provincia", un qualcosa di nicchia seguito da poche persone. Non dico che un Brescia-Cremonese diventerà come un Roncadelle-Castelmella, ma poco ci manca.
I tifosi italiani diminueranno, ma ci saranno tanti nuovi tifosi sparsi per il mondo. Il calcio diventerà qualcosa di secondo piano per le società evolute, per la nostra generazione invece è (o era) una parte importante della vita. La nuove generazioni sono sempre più istruite e sanno sempre più collocare lo sport in una logica di contesto legata al "divertimento" e non a una ragione "esistenziale". So di fare un discorso filosofico poco comprensibile, anche perchè va a scardinare certezze.
Il divertimento è legato a vedere spettacolo, grandi giocatori, grandi partite, grandi eventi. Non può essere legato a qualcosa di profondo come una rivalsa sociale (il povero che batte il ricco) o rivalsa territoriale. Cosa c'entra il calcio con concetti così importanti? Il calcio è solo sport. Uno contro l'altro, ma finita la partita amici come prima. Tifo senza insulti, solo tifo per la mia squadra.
E' un mondo che cambia, ma anche se ci sembra il contrario, sta cambiando in meglio.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » ven 07 mag, 2021 12:10

Punti di vista, per me è un cambiamento in peggio e non cambierò mai idea. Il mio concetto di tifo è molto diverso dal tuo, ma non accetto che venga considerato "migliore" o "peggiore". Non confondiamo la rivalità sportiva e territoriale con la violenza o il tifo che degenera in atti ingiustificabili. Credo che il concetto sia chiaro, chi vuol capire ha capito. Il resto sono considerazioni filosofiche che lasciano il tempo che trovano, se rapportate al tifo sano, viscerale, che non ha NULLA di male, se non il fatto che non porta soldi al sistema.
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » ven 07 mag, 2021 12:23

Comunque, visto che si parla di filosofia, ecco come la penso.
Convinciamoci pure che "insultare" gli avversari per una rivalità fine a se stessa, che rimane sugli spalti, sia sbagliato, va bene. Insegniamo ai nostri figli che è sbagliato anche vedere il principe che bacia Biancaneve senza il suo consenso. Convinciamoci che la rabbia sia sempre negativa e vada repressa, soffocata, eliminata come se fosse solo un lato sbagliato della nostra natura. Continuiamo così, diventeremo sempre più asettici, equilibrati, apparentemente distaccati, e così il lato oscuro che ognuno di noi ha, prima o poi esploderà in modi tutt'altro che sani.
Ho divagato, lo so, ma non accetto che il tifo di stomaco, anche condito da insulti e accesa rivalità, venga superficialmente catalogato come una cosa sbagliata, perché non è affatto così.
Il cosiddetto "lato oscuro" fa parte della natura umana e il tifo è un ottima cosa, purché rimanga entro certi argini e non sfoci in violenza (in questo caso sì che emergono lati patologici del "tifoso" in questione).
Viva il tifo sano, fine a se stesso, che prescinde dello spettacolo e trova terreno fertile nella rivalità sportiva. Questo è il MIO punto di vista, ognuno è ovviamente libero di pensarla come vuole, sempre ricordando che nessuno ha la verità in tasca....
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 07 mag, 2021 13:02

Rickybs ha scritto:Comunque, visto che si parla di filosofia, ecco come la penso.
Convinciamoci pure che "insultare" gli avversari per una rivalità fine a se stessa, che rimane sugli spalti, sia sbagliato, va bene. Insegniamo ai nostri figli che è sbagliato anche vedere il principe che bacia Biancaneve senza il suo consenso. Convinciamoci che la rabbia sia sempre negativa e vada repressa, soffocata, eliminata come se fosse solo un lato sbagliato della nostra natura. Continuiamo così, diventeremo sempre più asettici, equilibrati, apparentemente distaccati, e così il lato oscuro che ognuno di noi ha, prima o poi esploderà in modi tutt'altro che sani.
Ho divagato, lo so, ma non accetto che il tifo di stomaco, anche condito da insulti e accesa rivalità, venga superficialmente catalogato come una cosa sbagliata, perché non è affatto così.
Il cosiddetto "lato oscuro" fa parte della natura umana e il tifo è un ottima cosa, purché rimanga entro certi argini e non sfoci in violenza (in questo caso sì che emergono lati patologici del "tifoso" in questione).
Viva il tifo sano, fine a se stesso, che prescinde dello spettacolo e trova terreno fertile nella rivalità sportiva. Questo è il MIO punto di vista, ognuno è ovviamente libero di pensarla come vuole, sempre ricordando che nessuno ha la verità in tasca....


Mi spiace che hai travisato le mie parole... andando a fare un discorso extra-sportivo o pensando fosse un discorso personale.
Che la nostra generazione abbia vissuto il calcio con l'ottica di odio verso l'avversario come "identità" è appurato, io stesso faccio parte di questa generazione. Ma questo tempo è finito, non sono io a dirlo, ma la società che sta evolvendo in questa nuova realtà. Non è un'opinione sul meglio o sul peggio, o sul giusto o sbagliato.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda Snowflake » ven 07 mag, 2021 13:08

Rickybs ha scritto:Per vedere partite come Real Madrid-Juventus o Milan-Barcellona non spenderei nemmeno un minuto della mia vita, sono del tutto prive di interesse per un vero e proprio dinosauro come me.
Il futuro è dei nuovi tifosi, io coltiverò altre passioni.
Buon divertimento. ;-)


Ma infatti, a quel punto guardo qualche film/serie adrenalinica che è la stessa cosa.

Sarà che preferisco vedere alla TV o in streaming gare regionali di atletica leggera, anche atleti juniores/allievi quindi magari sono un po' fuori dalle vostre realtà sovranazionali.

Sarà che la vera essenza dello sport la trovo solo a livelli giovanili o nelle discipline cosiddette "minori".
Snowflake
Avatar utente
Snowflake
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6076
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 21:37
Località: Brescia loc. Fornaci

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 07 mag, 2021 13:23

Snowflake ha scritto:
Rickybs ha scritto:Per vedere partite come Real Madrid-Juventus o Milan-Barcellona non spenderei nemmeno un minuto della mia vita, sono del tutto prive di interesse per un vero e proprio dinosauro come me.
Il futuro è dei nuovi tifosi, io coltiverò altre passioni.
Buon divertimento. ;-)


Ma infatti, a quel punto guardo qualche film/serie adrenalinica che è la stessa cosa.

Sarà che preferisco vedere alla TV o in streaming gare regionali di atletica leggera, anche atleti juniores/allievi quindi magari sono un po' fuori dalle vostre realtà sovranazionali.

Sarà che la vera essenza dello sport la trovo solo a livelli giovanili o nelle discipline cosiddette "minori".
Ma infatti.. non si discute su cosa piaccia a noi, ma cosa piace all'utente medio ventenne. Possiamo dire che faccia schifo, che lo sport è bello solo se sentito, viscerale e passionale... ma le nuove generazioni lo vedono solo come una serie tv. L'esempio è calzante.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda Rickybs » ven 07 mag, 2021 13:28

StefanoBs ha scritto:
Rickybs ha scritto:Comunque, visto che si parla di filosofia, ecco come la penso.
Convinciamoci pure che "insultare" gli avversari per una rivalità fine a se stessa, che rimane sugli spalti, sia sbagliato, va bene. Insegniamo ai nostri figli che è sbagliato anche vedere il principe che bacia Biancaneve senza il suo consenso. Convinciamoci che la rabbia sia sempre negativa e vada repressa, soffocata, eliminata come se fosse solo un lato sbagliato della nostra natura. Continuiamo così, diventeremo sempre più asettici, equilibrati, apparentemente distaccati, e così il lato oscuro che ognuno di noi ha, prima o poi esploderà in modi tutt'altro che sani.
Ho divagato, lo so, ma non accetto che il tifo di stomaco, anche condito da insulti e accesa rivalità, venga superficialmente catalogato come una cosa sbagliata, perché non è affatto così.
Il cosiddetto "lato oscuro" fa parte della natura umana e il tifo è un ottima cosa, purché rimanga entro certi argini e non sfoci in violenza (in questo caso sì che emergono lati patologici del "tifoso" in questione).
Viva il tifo sano, fine a se stesso, che prescinde dello spettacolo e trova terreno fertile nella rivalità sportiva. Questo è il MIO punto di vista, ognuno è ovviamente libero di pensarla come vuole, sempre ricordando che nessuno ha la verità in tasca....


Mi spiace che hai travisato le mie parole... andando a fare un discorso extra-sportivo o pensando fosse un discorso personale.
Che la nostra generazione abbia vissuto il calcio con l'ottica di odio verso l'avversario come "identità" è appurato, io stesso faccio parte di questa generazione. Ma questo tempo è finito, non sono io a dirlo, ma la società che sta evolvendo in questa nuova realtà. Non è un'opinione sul meglio o sul peggio, o sul giusto o sbagliato.


Nell'ultima frase c'è poco da travisare, ed è quella che contesto... in questo ambito dici che "anche se a noi non sembra, il mondo sta cambiando in meglio". Io invece non credo proprio che sia così. Se non ci sarà più spazio per il tifo viscerale, territoriale, fatto di pura passione, non sarà necessariamente un bene. Dire "è solo sport, devo solo divertirmi", è come dire "è solo un esame, non devo agitarmi", "sono solo due fiocchi, devo godermeli senza troppi patemi", ecc... in questi casi o si diventa incapaci di vere passioni (ed è molto triste), oppure si trovano altre valvole di sfogo per i propri istinti più reconditi (ed è molto pericoloso).
Ecco, è questo l'aspetto su cui non sono d'accordo, il fatto di ritenere positivo questo cambiamento, ma come detto, sono punti di vista.
“Gli appassionati di meteorologia sono in parte scienziati, in parte poeti; gioiscono delle forme e dei colori che glorificano il tempo, si deliziano degli estremi”
Thomas Morris Longstreth
Avatar utente
Rickybs
Socio sostenitore
 
Messaggi: 6651
Iscritto il: lun 17 mar, 2008 23:40
Località: Mompiano

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 07 mag, 2021 13:33

Ok, l'ultima frase è una mia opinione sul cambiamento (irriversibile)... ma volerlo fermare significa vivere sulla luna.
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

Re: The Super League

Messaggioda StefanoBs » ven 07 mag, 2021 13:40

Per quanto riguarda le passioni, è proprio quello che cerco di scardinare nella nostra testa. Chi l'ha detto che "vivere" di sport sia una cosa essenziale? Se mi appassiono all'arte, alla storia o alla cultura in generale non è forse meglio? Non essere appassionati di calcio non significa non essere più appassionati di niente. Significa mettere il calcio ad alto livello dove è giusto che sia. Spettacolo. Il calcio di provincia e amatoriale potrà continuare a dare gli stessi valori di oggi.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
La felicità non consiste nell'angoscioso raggiungimento di un obiettivo, ma nell'attimo in cui si percepisce la grandezza di ciò che già si possiede.
Avatar utente
StefanoBs
Socio fondatore
 
Messaggi: 41957
Iscritto il: ven 29 feb, 2008 19:56
Località: Roncadelle (Bs)

PrecedenteProssimo

Torna a Inganniamo il tempo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti